CFU-Italia odv, ha aderito insieme a Comitato Veneto Sensibilità Chimica, Comitato Oltre la MCS, associazione A.N.A.S.I.N.T.A., associazione AMICA, associazione “MCS Illness”, associazione Watchingreen e in collaborazione con Gilberto Carlotto alla ricerca sui componenti presenti nella maggior parte dei gel disinfettanti, che si è conclusa con l’invio di una lettera ai Ministri della Salute e dell’Ambiente e agli Assessori alla Salute di tutte le Regioni Italiane.

————————————————————————–
Spett.le Ministro della Salute Spett.le Ministro dell’Ambiente Spett.li Assessori regionali alla sanità

Oggetto: DPCM 1 MARZO 2020 uso gel disinfettanti per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19 – principio di precauzione a tutela della salute.

Gent.mi Ministri e Assessori,

siamo un gruppo di Associazioni e Comitati che si occupano di malattie ambientali quali la Sensibilità Chimica Multipla (MCS), la Fibromialgia (FM), l’Encefalomielite Mialgica (ME) e l’Ipersensibilità ai campi elettromagnetici (EHS). Con la presente vorremmo sottoporre alle S.S.V.V., alcune osservazioni.
Il Comitato Tecnico Scientifico per il contenimento dell’epidemia da SARS-CoV-2, in base alle evidenze scientifiche, ha elaborato criteri e raccomandazioni di carattere sanitario tra le quali troviamo l’uso dei gel disinfettanti per le mani. Noi ne abbiamo preso in esame alcuni, eseguendo una vasta ricerca nei vari siti dell’U. E. deputati allo scopo, es. ECHA, REACH et altri, per capire la nocività o meno dei componenti dei gel stessi. Abbiamo controllato diverse marche usate sia nella GDO, che nei negozi ed enti in genere ed abbiamo riscontrato che riportano come avvertenza:

– attenzione
– pericolo
– pericolo – effetti tossici e cronici
– pericolo – effetti cronici

Tra le sostanze presenti in alcuni gel troviamo:

– Triclosan, sostanza bandita dalla F.D.A., già nel 2016, può accumularsi nei tessuti e nel latte materno, causando, tra l’altro, alterazioni della funzionalità epatica e polmonare;
– Etanolo, alcool tossico, in quantità variabili dal 50 al 75% del totale dei componenti;
– Metilisotiazolinone segnalato (già nel 2013) dall’ “American Contact Dermatitis Society” quale “allergene da contatto”;
– Thimerosal, composto organico (sale di Mercurio) con il 49,55% di mercurio . Sostanza che si può accumulare nel cervello, reni e fegato e, tra l’altro, l’uso del mercurio è fortemente limitato e scoraggiato per motivi ambientali dal Trattato delle Nazioni Unite di Minamata (UNEP 2008);
– Propanolo, etanolo methoxisopropanol, isopropylalcohol, sostanze non approvate o in attesa, da anni dell’approvazione dall’UE;
– ACRYLATES/C10-30, ALKYL ACRYLATE, CROSSPOLYMER, riportate nel registro ECHA in attesa (anche dal 2018) di valutazione, insieme ad altre 145.297 sostanze;
– alcune sono classificate come sostanze infiammabili (H 225);
– in presenza di quantità inferiori al 3% del principio attivo nella miscela, il produttore è autorizzato a non segnalare situazioni di pericolo;
– Metanolo, usato come solvente e reagente nei processi chimici industriali, controindicato per la disinfezione della pelle per via dei suoi effetti collaterali.“ È tossico in quanto induce depressione del sistema nervoso centrale, può causare cecità e morte se ingerito”;
– Fragranze: si ignorano i componenti di TUTTI i prodotti indicati con questa dicitura.

Considerando che:

– la F.D.A., Food and Drug Administration, l’ente governativo statunitense che si occupa della regolamentazione dei prodotti alimentari e farmaceutici, a luglio del 2020 ha ritirato dal mercato circa 75 prodotti disinfettanti per le mani in quanto contenenti metanolo. Il metanolo viene usato come solvente e reagente nei processi chimici industriali, e non è indicato come prodotto per disinfettare la pelle per via dei suoi effetti collaterali. Pericoloso per la salute, è un composto tossico che induce depressione del sistema nervoso centrale e può causare cecità e persino la morte se ingerito;
– ad agosto del 2020 la F.D.A. allunga l’elenco dei disinfettanti per le mani pericolosi a oltre 100

CHIEDIAMO

In base al Principio di Precauzione:
– di verificare la tossicità di queste sostanze in base alle norme vigenti dettate dalle varie organizzazioni come OMS, Ministero della Salute, F.D.A. ecc.;
– di informare la popolazione con la massima urgenza sugli effettivi rischi nei quali può incorrere.
– il Principio di Precauzione è importante e fondamentale base d’azione quando, la Scienza non riesce a fornire una chiara risposta in relazione alla protezione della salute umana, animale e vegetale;
– Secondo la Commissione europea, il “Principio” può essere invocato quando:
può presentare effetti potenzialmente pericolosi e la valutazione Scientifica non con-sente di determinare il rischio con sufficiente certezza.

In attesa di un riscontro e ringraziando per l’attenzione, inviamo cordiali saluti.

Con la collaborazione di Gilberto Carlotto

Claudio Fiori
Presidente Comitato Veneto Sensibilità Chimica
comitatomcs@gmail.com
comitatomcspec@gmail.com

Roberta Borghese
Presidente Comitato Oltre la MCS
comitato@oltrelamcs.org
comitatooltrelamcs@pec.it

Raffaela Gallo
Presidente A.N.A.S.I.N.T.A.
prof.rgallo@gmail.com

Barbara Suzzi
Presidente CFU-Italia ODV
cfuitalia@gmail.com
cfuitalia@pec.cfuitalia.it

Lucietta Chiafalà
Presidente di AMICA
amica@infoamica.it
infoamica@pec.it

Roberto Muscio
Presidente Associazione “MCS Illness”
associazione.mcs.illness@gmail.com

Angela Chiummento
Presidente Associazione Watchingreen

https://www.greenme.it/…/disinfettanti-mani-pericolosi-ele…/