Presso il Comune della Spezia, nell’Ufficio al primo piano del palazzo comunale, è possibile firmare la petizione del Comitato Fibromialgici Uniti – Italia O.d.V. (C.F.U.-Italia O.d.V.), volta a ottenere il riconoscimento della Fibromialgia come malattia cronica invalidante.
Il Comune della Spezia offre alla cittadinanza la possibilità di apporre la propria firma nella petizione avendo aderito – come molti altri comuni italiani – al progetto del C.F.U. Italia O.d.V. “Comuni a Sostegno di chi soffre di Fibromialgia”.
La fibromialgia affligge attualmente nel nostro paese più di tre milioni di persone, in prevalenza donne di età adulta, ma negli ultimi anni sono in aumento i casi anche in pazienti di giovane età.
La malattia è caratterizzata, nella sua forma più generale, da rigidità e da forte dolore muscolo-scheletrico diffuso e fortemente invalidante, che rende scarsa la qualità della vita delle persone che ne sono affette ed indirettamente i loro familiari, così come rende difficoltoso il normale svolgimento delle proprie attività lavorative.
Innumerevoli sono i disturbi associati alla fibromialgia (cefalea muscolo tensiva, colon irritabile, vertigini ed acufeni, disturbi della memoria e della concentrazione, parestesie con alterazione della sensibilità, sindrome delle gambe senza riposo, disturbi genitourinari e stanchezza cronica).
Tali disturbi sono comuni anche ad altre patologie quali malattie reumatiche, neurologiche, oncologiche ed endocrine ed altre ancora e questo rende difficile individuare la malattia e costringe i malati a un lungo e costoso peregrinare presso medici specialisti, che spesso non conoscono la patologia.
Molti dei sintomi evidenziati da questa patologia non trovano riscontro con esami clinici o strumentali e per questo la fibromialgia viene chiamata “malattia invisibile”, anche perché non essendo inserita nei Livelli Essenziali di Assistenza (LEA), non da diritto alle prestazioni che il Servizio Sanitario Nazionale è tenuto a fornire a tutti i cittadini. Il CFU-Italia ha già avviato con il Ministero della Salute, a tutela dei malati fibromialgici, un percorso per l’inserimento della fibromialgia nei LEA.
Si invitano quindi i cittadini a recarsi presso l’ufficio apposito, al primo piano del palazzo comunale, per firmare la petizione (possono firmare tutti i cittadini residenti, sia italiani che stranieri, esibendo un documento d’identità).
Per ulteriori informazioni:
Gianna Taverna, referente C.F.U. alla Spezia
e.mail: cfulaspezia.taverna@gmail.com
Telefono: +39 392 4575887