– Passa all’unanimita’ l’odg, presentato dal consigliere Gian Marco De Biase (Al centro Bologna), di colorare di lilla, il prossimo 12 maggio, in occasione della giornata mondiale della fibromialgia, un monumento o un palazzo di Bologna con il colore simbolo di questa malattia. De Biase ha ricordato come questa sindrome porti ad “una condizione caratterizzata da dolore muscolare diffuso e permanente” che colpisce 2,5 milioni di italiani con dolori muscoloscheletrici diffusi associati a molti altri problemi fisici permanenti. L’idea e’ di illuminare di lilla, come propone il Comitato Fibromialgici Uniti – Italia, un luogo di storia o cultura rappresentativo della propria citta’ “affinche’, metaforicamente, la cittadinanza prenda consapevolezza riguardo questa sindrome invalidante” che colpisce il 5 % della popolazione italiana. L’iniziativa “Facciamo luce sulla Fibromialgia” e’ organizzata dal Comitato Fibromialgici Uniti – Italia e vede coinvolti tutti i comuni che aderiscono al progetto, tra cui appunto Bologna; prevede anche un convegno online il 9 maggio (ore 15.00) durante il quale verra’ trasmesso in anteprima in streaming il docufilm “AD MAIORA – Vittime di una malattia invisibile”, a cui seguira’ un cineforum interattivo. “Nella sola citta’ metropolitana di Bologna – aggiunge De Biase – vivono nell’invisibilita’ 51.000 fibromialgici.
Non esistono ancora dati definitivi, ma molti studi cercano di approfondire l’interazione multifattoriale esistente alla base della malattia e il fatto che le donne hanno una probabilita’ altissima di sviluppare una fibromialgia rispetto agli uomini, con un rapporto d’incidenza pari a circa 9:1”. L’odg e’ stato firmato anche dai consiglieri del M5S e dalla consigliera Emily Clancy di Coalizione civica.
(ITALPRESS).