Finalmente iniziamo ad avere risultati seri di Studi Scientifici condotti sui potenziali benefici di una corretta alimentazione nei pazienti fibromialgici.
Da tanto tempo opponiamo a chi propone miracolosi protocolli o altrettanto miracolosi prodotti che la risposta è nella dimostrabilità di quanto si enuncia.

Con orgoglio pubblichiamo l’esito di circa un anno di lavoro condotto dalla Dott.ssa Giovanna Ballerini e colleghi.
Come sapete altri studi sullo stesso argomento sono in corso e daremo informazioni di mano in mano.

Grazie ai medici e agli specialisti che lavorano per una corretta informazione!

“Effectiveness of a Khorasan Wheat–Based Replacement on Pain
Symptoms and Quality of Life in Patients with Fibromyalgia
Giuditta Pagliai , MSc, PhD,*,† Barbara Colombini, MSc, PhD,* Monica Dinu, MSc, PhD,*,† Anne
Whittaker, PhD,‡ Alberto Masoni, MSc, PhD,* Giovanna Danza, MSc, PhD,* Amedeo Amedei, MSc,*
Giovanna Ballerini, MD,§ Stefano Benedettelli, PhD,‡ and Francesco Sofi, MD, PhD*,†,¶”

ABSTRACT

Studiare gli effetti di una dieta sostitutiva con prodotti a base di grano Khorasan nei pazienti con fibromialgia, rispetto a una dieta sostitutiva simile con prodotti di controllo a base di grano moderno semi-integrale biologico.

Tipologia.
Prova crossover randomizzata in doppio cieco.

Ambientazione.
Pazienti ambulatoriali.

Soggetti.
Venti soggetti (19 femmine e un maschio, età media 48,9 +/- 12,3 anni) con fibromialgia.

Metodi.
I partecipanti sono stati invitati (in maniera casuale) a consumare o Khorasan o prodotti di controllo a base di grano (pasta, pane, cracker, biscotti) per otto settimane e poi scambiati. Questionari autogestiti validati sono stati raccolti da ogni paziente all’inizio e alla fine di ogni periodo di assunzione.

Risultati.
Un modello lineare generale per misurazioni ripetute, adeguato per potenziali consumatori, hanno mostrato che il punteggio complessivo riportato da ciascun questionario è migliorato sia dopo l’assunzione sia dopo i periodi di controllo, ma l’effetto è stato più evidente dopo il consumo di Khorasan. In particolare, si è rilevata una differenza statisticamente significativa nell’indice di dolore diffuso (WPI) + Scala di gravità (SS) e questionario funzionale del sonno (FOSQ). Diminuzione significativa rispettivamente del 21,5% e dell’11,7%, solo dopo il Periodo di Khorasan, mentre non sono state riportate variazioni statisticamente significative dopo il periodo di controllo. Allo stesso modo, anche i punteggi del FM Impact Questionnaire sono diminuiti in modo significativo solo dopo il periodo di Khorasan, con una riduzione significativamente diversa tra i periodi di assunzione e periodi di controllo (–22,5% vs –0,3%, P=0,037). Il miglioramento è stato ancora maggiore nelle persone con sintomi più gravi.

Conclusioni.
Un’alimentazione con prodotti a base di grano di Khorasan sembra apportare benefici ai pazienti con fibromialgia, in particolare quelli con maggiore gravità dei sintomi.

L’articolo integrale